26 febbraio 2016

Strozzapreti con acciughe, broccoli e limone

Forse non ho mai raccontato la mia passione per lo chef Jamie Olivier. Dalla diffidenza iniziale da italiana media (come fidarsi di uno chef inglese?) all'innamoramento della sua cucina, tanto da essere fedele abbonata della sua rivista.
Questa ricetta non tradisce le aspettative. Semplice, veloce e d'effetto...per trasformare un banale piatto di pasta in un trionfo di gusto!

Strozzapreti con acciughe, broccoli e limone
Ingredienti per 4 persone
320 g di strozzapreti
2 spicchi di aglio
2 broccoletti
1 limone NON TRATTATO
peperoncino
50 g pangrattato
olio EVO

Mettere a bollire una grossa pentola di acqua salata. Una volta raggiunta l'ebollizione aggiungere i fiori dei broccoletti ben lavati e cimati. Dopo 5 minuti aggiungere gli strozzapreti e portarli a cottura.
Nel mentre in una padella aggiungere 4 cucchiai di olio EVO e 1 spicchio di aglio. Una volta dorato aggiungere il pangrattato e farlo saltare bene. Eliminare lo spicchio d'aglio. In un'altra padella aggiungere 4 cucchiai di olio EVO, uno spicchio d'aglio, peperoncino e 8 filetti di acciuga. Far sciogliere bene le acciughe e aggiungere la pasta cotta con i broccoli. Far saltare, cospargere di pangrattato e grattugiare
la buccia di un limone. Servire caldissima!

25 febbraio 2016

Fusilli di salsiccia e puntarelle

Come si sarà sicuramente capito io sono assolutamente addicted di puntarelle di catalogna. Così invece che usarle nelle zuppe e nei contorni, questa volta ho deciso di abbinarle ad un buon piatto di pasta...e visto che mi avanzava un po' di salsiccia... Gnam!!!

Fusilli di salsiccia e puntarelle
Ingredienti per 4 persone
320 g di fusilli
200 g di salsiccia
350 g di puntarelle di catalogna
1 spicchio di aglio
olio EVO
sale
pepe
120 g pecorino romano

Pulire bene le puntarelle, tagliarle a fettine sottili e farle saltare in padella con 4 cucchiai di olio EVO e 1 spicchio di aglio, finché sono ben morbide. Salare e pepare.
In una padella ben calda aggiungere la salsiccia spellata e ridurla a pezzettini, cuocendola finché rimane ben croccante.
Grattugiare il pecorino.

Cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolarla al dente e farla saltare due minuti con puntarelle, salsiccia e pecorino. A piacere aggiungere pepe.

Lasagne alla zucca e salsiccia

Mi sono arresa...anche le lasagne alternative sono buone :) certo, mai come quelle di mamma, ma comunque buone! E allora ecco la mia ricetta delle lasagne di zucca, cremose e senza besciamella!

Lasagne di zucca
Ingredienti per 8 persone
32 fogli di pasta per lasagne
800 g di zucca
250 g di ricotta
latte
500 g di scamorza affumicata
500 g di salsiccia
sale e pepe

Pulire e sbucciare la zucca, tagliarla a cubetti e metterla in forno a 180°C per 25 minuti circa, finchè la zucca sarà morbida.

Una volta cotta frullarla con la ricotta, aggiustarla di sale e pepe e aggiungere latte fino ad una consistenza vellutata e cremosa.

Spellare la salsiccia e cuocerla in una padella antiaderente molto calda sbriciolandola molto bene. Tagliare la scamorza a cubetti.

Comporre le lasagne, su ogni strato mettere la pasta, la crema di zucca, la salsiccia e la scamorza.

Farla cuocere in forno a 180°C per 40 minuti. Servirla ben calda!

22 febbraio 2016

Spezzatino di tacchino ai due risi

La mamma ha visto in televisione alla "Prova del cuoco" questa splendida ricetta, light e super veloce...non garantisco che sia esattamente come l'hanno spiegata in tv, ma la mia mammina l'ha comunque fatta benissimo :)

Spezzatino di tacchino ai due risi
ingredienti per 4 persone
400 g di petto di tacchino ( a cubetti)
Farina di farro integrale
80 g di mandorle
succo di mela
160 g riso rosso
160 g riso venere
alloro
olio EVO
Sale e pepe

Innanzitutto lessare i due risi in acqua salata con una foglia di alloro. Per il riso rosso ci vogliono circa 40 minuti, per il venere circa 25-30, dipende dalla varietà.
Tagliare il petto di tacchino a cubetti e  infarinarlo con il farro. In una padella scaldare un filo di olio e lasciarlo rosolare. Una volta rosolato aggiungere le mandorle tritate, lasciare insaporire e sfumare con il succo di mela. Aggiustare di sale e pepe.
Una volta scolato il riso, passarlo in padella con un filo di olio e servire il tutto ben caldo!

Lessiamo il riso in acqua salata e profumata d’alloro; la varietà usata da Sergio richiede circa 35 minuti di cottura. In padella, scaldiamo un filo d’olio; intanto, tagliamo a tocchetti il tacchino e li infariniamo; passiamo il tacchino in padella, con l’olio; facciamo rosolare per bene. Quando è ben dorato su tutti i lati, uniamo le mandorle tritate grossolanamente (e con la pelle); lasciamo insaporire un po’, quindi sfumiamo col succo di mele; lasciamo addensare, mantenendo sul fuoco per qualche minuto; saliamo e pepiamo. Scoliamo il riso, lo passiamo sotto l’acqua e lo scaldiamo in padella, con un filo d’olio, del radicchio tagliato a tocchetti ed un pizzico di sale. Bastano pochi istanti, il radicchio rimane croccante. Serviamo il tacchino con il riso al radicchio.