19 dicembre 2014

Arrosto di vitello con nocciole e Asiago

Se gli amici ti chiedono una cena con la ghisa...non puoi prescindere da fare un bell'arrosto! Poiché si sa che il mio macellaio è bravissimo, mi sono fatta preparare una bella fetta di vitello da riempire.
Mi ricordo un risotto già pubblicato con nocciole e Castelmagno..e allora perché non riproporre l'accoppiata come ripieno di un arrosto? Però questa volta il Castelmagno non c'era...ma ripiegare su un saporito Asiago è stata un'ottima scelta.

Arrosto di vitello con nocciole e Asiago

1 fetta di vitello
2 fette prosciutto cotto
100 g di nocciole a pezzetti
100 g di asiago a fette
sale e pepe
olio
20 g burro
1 spicchio di aglio
vino bianco

Adagiare le fette di prosciutto e Asiago al centro della fetta di vitello, stando attenti a lasciare abbastanza spazio sul bordo, in modo che durante la cottura non esca il formaggio. Spargere le nocciole in modo omogeneo. Arrotolare con attenzione la fetta e con pazienza legare bene l'arrosto.
Nella vostra ghisa fate sciogliere il burro con l'olio e uno spicchio di aglio. Sigillate bene la carne per evitare che esca il formaggio in cottura, bagnate di vino bianco, salare e pepare. Lasciar cuocere per 50 minuti circa. Se si dovesse asciugare bagnare con un pochino di brodo.

16 dicembre 2014

Muffin alla zucca con cuore di gorgonzola fondente

A volte riesco a rendere felice mio marito...e questi muffins ne sono un esempio :)
Certo la critica che mi ha mosso mi ha ferito nel profondo...c'era troppo poco gorgonzola...va bè migliorerò!


Muffin alla zucca con cuore di gorgonzola fondente
Ingredienti per 12 muffins
200 g farina 00
2 cucchiai di amido di mais
1/2 bustina di lievito birra secco
1/2 cucchiaino di bicarbonato
1 uovo
80 ml olio di girasole
sale e pepe
100 g ricotta
2 cucchiai di zucchero
semi misti per pane

Tre ore prima di preparare i muffin (o il giorno prima) mettere il gorgonzola nei cubetti per il ghiaccio e porli nel surgelatore finchè diventano duri.
Miscelare nel frullatore l'uovo, l'olio e la ricotta. In una ciotola miscelare farina, lievito, zucchero, sale e bicarbonato, quindi aggiungere la miscela un cucchiaio alla volta al liquido. se dovesse risultare troppo solido aggiungere pochissimo latte. Aggiustare con il pepe.
Nei pirottini mettere 1 cucchiaio abbondante di composto, aggiungere il cubotto di gorgonzola e coprire con altro composto.
Sulla superficie spolverare di semi misti (sesamo, miglio, papavero...quelli per fare il pane rustico).
Cuocere 25 minuti a 180°C.
Da rifare per la viglia!

11 dicembre 2014

Penne con crema di porri e ricotta salata

Come sempre mi sono trovata ad inventare una cena con quello che avevo in casa...che nella fattispecie era davvero poca roba!!! Ma per fortuna erano tutti gli ingredienti giusti per trasformare una cenetta che poteva essere disastrosa in una super cena! Parpapapà si è leccato anche il piatto...

Penne con crema di porri e ricotta salata
Ingredienti per 4 persone
320 g di penne di semola
4 porri
50 g di pancetta affumicata
100 g di ricotta
40 g di ricotta salata
olio EVO
sale e pepe

Pulire e tagliare a rondelle sottili il porro. In una pentola scaldare tre cucchiai di olio EVO e far rosolare i porri, aggiustandoli di sale e pepe. Aggiungere mezzo mestolo di acqua bollente e farli cuocere 10 minuti per renderli belli morbidi.
Frullare i porri con la ricotta e un cucchiaio di olio EVO.
In una padella antiaderente far soffriggere la pancetta.
In una ciotola mischiare porri e pancetta, scolare la pasta al dente, miscelare e grattare la ricotta salata. Aggiungere pepe a piacere e...buon appetito!!!

Stamppot all'olandese

Chi mi conosce sa quanto io sia innamorata dell'Olanda...non nascondo il mio sogno di trasferirmici prima o poi. Ad ogni viaggio ne rimango sempre più affascinata...anche dal punto di vista culinario!
Ho comprato un libricino interessante con tante belle ricettine...soprattutto i famosi Stamppot, ovvero stufati accompagnati da purè di patate arricchiti con tante altre verdure. E così ho deliziato i miei amichetti un sabato sera con uno stufato di manzo reso più interessante dalla paprika in abbondanza! e la mia ghisa ha funzionato a dovere...tre ore di cottura hanno reso la carne tenerissima e super saporita! Ho accompagnato il tutto con broccoletti al vapore saltati con un pochino di acciuga e peperoncino e un bel purè di patate rosse e gialle.

Stamppot all'olandese
Ricetta per 4 persone
600 g di carne di manzo a pezzetti
olio EVO
40 g burro
farina bianca qb
4 teste di aglio
1 cipolla dorata
200 g di pomodoro in salsa
2 cucchiaini di paprika forte
sale e pepe
1 scatola di fagioli cannellini
1 cuore di dado

In una bella pentolona di ghisa far sciogliere il burro con 4 cucciai di olio. Aggiungere l'aglio tritato finemente e lasciarlo imbiondire. Infarinare i pezzi di carne, lasciarla dorare bene. Aggiungere la cipolla a fette sottile, lasciar cuocere ancora un attimino, quindi aggiungere 1,5 L di brodo (io ho aggiunto acqua e un cuore di brodo...) e lasciar cuocere a fuoco dolcissimo per 2 ore, rigirando di tanto in tanto. Aggiungere la passata, sale e pepe, la paprika e i cannellini. Lasciar cuocere ancora 40 minuti e lasciar riposare per almeno altre due ore.
Più riposa più la carne si insaporisce! Mangiarla il giorno dopo è ancora meglio :)


28 novembre 2014

Risotto zucca, zenzero e mandorle

Si è vero, anche quest'anno ho comprato troppa zucca...e devo trovare il modo di cucinarla se no parpapapà mi fa gli impacchi di bellezza :)
La mia ghisina verde è specializzata in risotti, ma non posso proporre sempre lo stesso...e allora misceliamo come sempre un po' di ricette e creiamo un risotto all'altezza del mio maritino <3

Risotto zucca, zenzero e mandorle
Ingredienti per 4 persone
320 g di riso vialone nano
400 g di zucca (già pulita)
1 spicchio di aglio
1 cucchiaino di zenzero
50 g di granella di mandorle
20 g burro
olio EVO
1/2 bicchiere di vino bianco
1 cucchiaio di Philadelphia
brodo vegetale qb

Nella vostra bella ghisina sciogliere il burro con due cucchiai di olio, quindi lasciare imbiondire la testa d'aglio. Aggiungere la zucca precedentemente tagliata a piccoli cubetti (circa 1/2 cm di lato) e lasciarla rosolare bene per 10 minuti. Aggiungere il riso, lasciarlo tostare bene e sfumare con il vino bianco. Continuare la cottura aggiungendo brodo vegetale. Al termine della cottura aggiungere un cucchiaino di zenzero, la mandorla tritata e il cucchiaio di Philadelphia e mantecare bene. Lasciar riposare due minuti con il coperchio chiuso e servire.
Davvero buonissimo!!!

26 novembre 2014

Speedy muffin pizza

Spesso devo far coincidere un'appetitosa cena con la voglia di cucinare del mio cucciolo. Coinvolgerlo mi aiuta spesso a fargli assaggiare cose che non si sognerebbe nemmeno... ho visto sul web questi muffin pizza, ma il tempo per la lievitazione manca sempre, e poi diciamolo...non sono certo la maga dei lievitati, anzi!!!
Così ho preso il toro per le corna e ho deciso di seguire una via più semplice: ho comprato la pasta della pizza già pronta dal mio panettiere :) forse sarebbe meglio chiamarli mini calzoni...ma muffin suona subito più esotico!!!

Speedy muffin pizza
Ingredienti per 12 muffin
500 g di pasta per la pizza già pronta
1 scamorza affumicata
250 g di passata di pomodoro
origano
sale
olio EVO

Tagliare a cubetti la scamorza affumicata. Staccare delle palline di pasta e creare con le mani (meglio le morbide manozze di un bimbo!) dei dischetti. Riempire il centro del dischetto con qualche cubetto di scamorza, un cucchiaino di passata, un pizzico di origano, un pizzico di sale e una spruzzatina di olio. Chiudere bene il dischetto e mettere la parte arricciata sul fondo del pirottino.
Sulla superficie mettere ancora 1/2 cucchiaino di passata una spruzzatina di olio e  l'origano.
Infornare a 180°C per 20-25 minuti.
Ottimi per grandi e piccini!

24 novembre 2014

Polpette ai sapori di oriente

Sarebbe troppo pretenzioso chiamarle polpette kofta o anche solo un generico "polpette mediorientali". Diciamo che come sempre non potevo avere accesso al mio ipad per scopiazzare una ricetta (se no parpanino nanerottolo vuole subito appropriarsene per giocare con la Peppa) e così sono andata a sensazioni e odori...e vi assicuro, talmente buone che le ha mangiate anche l'inappetente!!!

Polpette ai sapori di oriente
Ingredienti per 4 persone
600 g di carne trita
250 g di salsiccia
1 cipolla dorata
1 vasetto yogurt greco
2 cucchiai di pasta di sesamo (tipo tahina)
1 cucchiaino di cumino
1/2 cucchiaino di coriandolo
1/2 cucchiaino di curry
sale e pepe
pan grattato qb
olio EVO

In un'ampio contenitore miscelare bene la carne trita con la salsiccia. Aggiungere lo yogurt e la pasta di sesamo e miscelare bene con le mani, finchè l'impasto è omogeneo. Aggiungere le spezie, la cipolla tagliata a cubetti piccolissimi e aggiustare di sale e pepe.
Formare delle palline (come sempre le mie variano a seconda di cosa sta facendo il nanerottolo), passarle nel pan grattato e metterle sulla placca del forno foderata con carta forno. Fritte sarebbero state molto più buone, ma la presenza di due gatte e un parpanino non mi danno le necessarie sicurezze :)
Cuocere 25-30 minuti in forno caldo a 180°C, girandole a metà cottura.
Buonissimissime!!!!

20 novembre 2014

Penne con zucca e robiola

Come stupire un'amica dopo tanti anni che non la vedi con a disposizione 20 minuti e un cucciolo meraviglioso che ha voglia di stare solo in braccio??? La cosa migliore è coinvolgere tutta la manodopera disponibile nel gioco del cibo...certe che si leccheranno i baffi alla fine!
Operazione n.1: aprire il frigo e sperare che ci sia qualcosa di decente da cucinare
Operazione n.2: cercare di combinare in modo decente gli alimenti :)
Bene...trovato in frigo: un pezzo di zucca, della robiola e dei cubetti di pancetta affumicata (che in casa nostra non mancano mai...). Ci proviamo???? Parpapapà addetto a cubizzare la zucca, Parpanino addetto a far girare il frullatore e mammina comanda :)

Penne con zucca e robiola
Ingredienti per 4 persone
400 g di zucca a cubetti (già pulita)
1 cipolla dorata
100 g cubetti pancetta affumicata
olio EVO
rosmarino fresco
100 g robiola
320 g penne di semola
vino bianco
sale e pepe
parmigiano

Tagliare a cubetti piccoli la zucca (più sono piccoli più velocemente cuoce!) e la cipolla a fettine sottili.
In una padella antiaderente aggiungere 3 cucchiai di olio EVO e lasciar dorare la cipolla. Aggiungere la zucca e lasciarla dorare per 3/4 minuti. Sfumare con il vino bianco e lasciar cuocere per 10 minuti circa...se si asciuga aggiungere un pochino di acqua calda. Aggiungere la pancetta affumicata e il rosmarino tritato e lasciar cuocere ancora 5 minuti.
Una volta cotto passare tutto nel frullatore con un filo di olio EVO, sale, pepe e la robiola. Frullare fino ad ottenere una crema omogenea.
Cuocere le penne, scolarle al dente e ripassarle nella crema...aggiungere una spolverata di parmigiano e...voilà!

Cavatelli con trevisana e funghi

Questa ricetta l'ho intravista, con alcune varianti, gironzolando su internet...volevo tanto scopiazzarla ma non sono più riuscita a recuperarla! Con un pizzico di fortuna e un minimo di abilità nell'accostare "sweet&sour" sono riuscita ad offrire ai miei commensali un'ottimo e sostanzioso primo piatto...con tutti i colori dell'autunno!

Cavatelli con trevisana e funghi
Ricetta per 4 persone
320 g di cavatelli secchi
1 cespo di trevisana lunga
1 sacchetto da 450 g di funghi misti congelati
100 g di speck a dadini
120 g di toma piemontese
1 dado funghi
olio EVO
1 spicchio d'aglio

Mettere a bollire abbondante acqua salata. Nel mentre tagliare sottile la trevisana e lavarla bene.
In una padella aggiungere 4 cucchiai di olio EVO con uno spicchio d'aglio e aggiungere ancora congelati i funghi. Sbriciolare sopra i funghi il dado e lasciarli scongelare bene a fuoco vivo. Abbassare la fiamma, aggiungere la trevisana facendo saltare bene il tutto. Quando è quasi cotto tutto aggiungere lo speck a dadini e mescolare bene...non lasciar cuocere troppo per non far diventare troppo salato il tutto! Tagliare a dadini piccolissimi la toma e metterli in una zuppiera. Colare i cavatelli al dente e ripassare in padella facendoli saltare bene con il condimento. Aggiungere il formaggio a pezzettini che a contatto con il calore della pasta fonderà fino ad ottenere una gustosissima pasta autunnale!
Bon appétit!

14 novembre 2014

Quiche di porri e porcini

Visto che devo ancora lavorare sulle torte classiche...mi do alle torte salate che mi vengono decisamente meglio! Questa bontà è scaturita dalla necessità di svuotare il frigo dai porri che ho comprato in grande quantità...e dai funghi porcini che avevo in freezer!
Il risultato è stato davvero ottimo...da tenere da conto per l'antipasto di Natale!!!

Quiche di porri e porcini
Ingredienti per 1 torta

5 porri
3 funghi porcini di medie dimensioni
2 patate
100 g speck a dadini
1 uovo
farina bianca qb
40 g burro
500 ml di latte
1 rotolo pasta sfoglia
olio evo

Fate lessare 2 grosse patate, una volta cotte pelatele e tagliatele a cubetti.
Tagliate a rondelle sottili i porri e metteteli con un filo d'olio in una pentola antiaderente a fuoco lento per farli brasare bene. Aggiungete eventualmente un pochino di acqua calda per portare a termine la cottura. Nella padella in cui avete fatto cuocere i porri aggiungete le patate e lo speck, aggiustate di sale e pepe e fate insaporire bene.
In un pentolino scaldate il latte, nel contempo in un altro pentolino antiaderente sciogliete il burro, aggiungete un cucchiaio di farina  e togliete dal fuoco. mescolate con un cucchiaio di legno fino a formare una palla (la famosa Roux). Rimettete sul fuoco e aggiungete un mestolo alla volta per "creare" la vostra besciamella morbida. Una volta cotta aggiungete un uovo.
In un ampio recipiente mescolate la besciamella con le verdure.
Foderate una tortiera con la sfoglia, bucherellatela e aggiungete il composto.
Cuocete in forno per 40 minuti a 180°C.
Deliziosaaaaaa


27 ottobre 2014

Gnocchi di zucca con porri e salsiccia

Dal titolo del post non sembrerebbe proprio che io sia a dieta...eppure per riflesso quando decido di iponutrirmi tendo a ipernutrire i miei cari, che per fortuna loro sono belli alti e secchi :) per cui, mentre gustavo il mio minestrone prefatto (la sofferenza passa anche da lì!) ho impastato gli gnocchi di zucca, pensando anche a un condimento gustoso che non fosse un banale burro  salvia. Il risultato? Chiedetelo a parpapapà e ai nonni...a me sembrava che si leccassero anche i gomiti!

Gnocchi di zucca con porri e salsiccia
Ingredienti per 6 persone
400 g di zucca pulita
400 g di patate gialle
circa 400 g farina 00
1 uovo
sale

per il sugo:
2 porri
350 g salsiccia
olio EVO
sale e pepe
grana

Pulire la zucca fino ad ottenere 400 g di polpa. Io preferisco le zucche piccole con la buccia verde scura (mi sembra si chiamino Marina di chioggia) perché sono belle sode e povere di acqua...
Una volta mondate cuocetele al vapore (io lo faccio al microonde con lo speciale cestello). Lessate le patate con un po' di sale in pentola a pressione; appena pronte levatele dall'acqua.
Non lasciate raffreddare troppo le verdure, quindi, con dita scottate, pelate le patate e passate tutte e due le verdure allo schiacciapatate. Create il vulcano e rompeteci dentro l'uovo, che sbatterete con una forchetta. Aggiungete un po' di farina e impastate con pazienza...non lasciatevi prendere troppo la mano dalla farina, se no gli gnocchi non sapranno d'altro! L'impasto risulterà molto morbido e non troppo facile da lavorare. Una volta raggiunta la consistenza ideale, mettete della farina sulla spianatoia e create gli gnocchi, il più regolari possibili, facendoli girare nella farina per renderli rotondi.
Tagliate i porri a fettine sottili e metteteli a brasare con un filo di olio e un goccio di acqua. Quando saranno quasi cotti aggiungete la salsiccia sgranata, aumentate il fuoco e fate dorare il tutto. Aggiustate di sale e pepe.
Lessate gli gnocchi, ripassateli in padella con il condimento, aggiungendo abbondante formaggio. regolate di pepe e...bon appetit!

13 ottobre 2014

Fusilli broccoletti, acciughe e pinoli

per far mangiare la verdura ai miei ometti devo sempre trasformarla in sugo...il tentativo poi di offrirgli broccoletti (che tanto salutari sono) fa cadere sempre parpapapà nello sconforto più profondo...e allora condiamoci una bella pasta (magari nel suo formato preferito...), profumata alle acciughe e con dei croccanti pinoli tostati e facciamola diventare una golosità! Saltata con abbondante pecorino in una wok di ghisa assume anche una crosticina davvero interessante :)

Fusilli broccoletti, acciughe e pinoli
Ingredienti per due persone
160 g di fusilli
1 fiore di broccoletti
4 filetti di acciughe
aglio
30 g pinoli
peperoncino in polvere
olio evo
pecorino grattugiato

Nel microonde cuocere al vapore i fiorellini di broccolo lasciandoli croccanti.
Mentre lessate la pasta, sciogliere con 4/5 cucchiai di olio EVO i filetti di acciughe e una testa d'aglio. Una volta sciolti aggiungere un pizzico di peperoncino e i broccoletti facendoli insaporire bene. A fuoco acceso aggiungere la pasta al dente e far saltare un minuto. Aggiungere i pinoli tostati precedentemente in una padellina e abbondante pecorino.

Velocissima bontà!

7 ottobre 2014

Pizza cake (by Elisa)

Quando dico che è una donna da sposare non mento...capito caro il mio Francesco??? Dove trovi una donnina così brava che soddisfa tutte le tue voglie culinarie? Aaaaah...noi minions <3<3<3

PIZZA CAKE
Ingredienti (per una tortiera di 20 cm di diametro)

500 g farina 0
270-300 mL acqua
12 g di lievito di birra fresco
30 mL di olio extravergine d'oliva
350 mL di passata di pomodoro
250 g di mozzarella
sale qb
Condimento a piacere: wurstel, prosciutto cotto, melanzane grigliate..
 
In una ciotola capiente, versare circa metà della farina con l'acqua tiepida e scioglierci il lievito di birra. mescolare e attendere qualche minuto, finché non appariranno delle bolle sulla superficie dell'impasto.
a questo punto, aggiungere tutta la farina e il sale, amalgamare con l'olio e impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Lasciar lievitare l'impasto per circa 2 ore (o comunque fino al raddoppio) in un luogo fresco, asciutto e lontano dalle correnti d'aria.
Trascorso il tempo di lievitazione, ricavare quattro panetti, tre dei quali andranno stesi e modellati dando la forma di tre cerchi aventi diametro di poco inferiore a quello della tortiera; il quarto panetto invece servirà per andare a formare la "cornice" della pizza cake.
Sulla tortiera ben oleata, disporre il primo strato di impasto e farcire a piacere con pomodoro, mozzarella, (io ho farcito anche con melanzane grigliate), porre il secondo strato di impasto, condire nuovamente a piacere (io ci ho messo pomodoro, mozzarella e wurstel) e infine porre il terzo strato di impasto, che io ho farcito con pomodoro, mozzarella e fette di prosciutto cotto.
Con il quarto panetto, che dovrà essere modellato dandogli la forma della cerniera della tortiera, rivestire lateralmente i tre strati, fino all'ottenimento di una sorta di torta triplo strato.
cuocere in forno statico per circa 40 minuti a 250°C.

22 settembre 2014

Risotto al limone e gamberi profumati all'aceto balsamico

Al ritorno da un matrimonio io contesto sempre il risotto...troppo cotto, troppo crudo, troppo poco "risottoso"...certo, non è facile cucinare per tante persone, poi senza la ghisa!!!
Ma questa volta lo chef mi ha stuzzicato con un risotto al limone davvero ben fatto e per niente banale...anche se io ho aggiunto un tocco di classe con i gamberetti sfumati con l'aceto balsamico che da un contrasto meraviglioso all'aspro del limone..chapeau alla mia ghisetta! E anche il mio nanetto si è leccato i baffetti inesistenti...

Risotto al limone e gamberi profumati all'aceto balsamico
Ingredienti per 3 persone
240 g di riso vialone nano
1 limone biologico
30 g Philadelphia
1/2 scalogno
1 spicchio di aglio
20 g burro
olio evo
120 g di gamberi sgusciati
aceto balsamico
vino bianco
brodo vegetale  q.b.

Nella vostra ghisetta lasciar colorare lo scalogno tritato finissimo con burro e olio. Tostare il riso, sfumarlo con vino bianco e portarlo a cottura aggiungendo brodo poco alla volta.
In una padella antiaderente aggiungere 2 cucchiai di olio evo e lasciar imbiondire lo spicchio d'aglio. Una volta eliminato, aggiungere i gamberi precedentemente sbollentati, lasciarli saltare un minutino, aggiungere la buccia di limone gratuggiata e sfumare con un goccio di aceto balsamico.
Una volta terminata la cottura del risotto, aggiungere succo e polpa del limone, mantecare con il Philadelphia e aggiungere i gamberetti. Grattuggiare ancora un pochino di buccia e...voilà in tavola ancora caldo nella nostra ghisetta! Profumatissimo!

19 settembre 2014

Filetto di maiale zenzero, miele e semi di senape

Ieri sera a 15°C mi è finalmente tornata la voglia di accendere il forno! Il bello delle mie ghisette è che puoi benissimo passare da fuoco a forno senza colpo ferire...e l'arrosto si trasforma caramellando perfettamente!

Il filetto di maiale è veramente una carne fantastica...costa poco, è tenerissima e anche il mio nano malefico, pur reticente la riesce a mangiare, soprattutto se gustosa come quella di questa ricettina!

Filetto di maiale zenzero, miele e semi di senape
Ingredienti per 4 persone
1 filetto di maiale
zenzero in polvere
2 cucchiai di miele
semi di senape
vino bianco
farina
sale
olio EVO
burro
1 spicchio di aglio

Infarinare con farina e zenzero la carne. Nella ghisa far sciogliere 20 g di burro con 3 cucchiai di olio EVO e uno spicchio di aglio.
Lasciar rosolare da tutti i lati sigillando bene la carne e salare.
In una ciotolina sciogliere il miele con mezzo bicchiere di vino bianco e irrorare la carne. Rigirarla e aggiungere abbondanti semi di senape.
Lasciar finire di cuocere in forno a 180°C per 20 minuti.

Buonissimissimo!

17 settembre 2014

Scaloppine rosa (o meglio...impomodorate!!!)

Finite le vacanze ricomincio a cucinare...forse ;)
a casa ammalata mi sono fatta ispirare dalla nostra Sonia nazionale che proponeva delle gustose scaloppine di lonza rosa a base di concentrato di pomodoro e mascarpone. Il fatto che in casa non avessi nessuno dei due ingredienti non mi ha di certo fermata...ho sopperito con Philadelphia e polpa di pomodoro, rendendo il tutto più light ma davvero gustoso! Ho arricchito il tutto con un po' di aromini...ottimo risultato per l'impomodoratrice folle!

Scaloppine rosa
Ingredienti per 4 persone
8 fette di lonza di maiale
100 g polpa di pomodoro
50 g Philadelphia
20 ml di latte
paprika dolce
erba cipollina
sale, pepe
farina qb
olio EVO
20 g burro

Battere bene le fettine e infarinarle da ambo i lati.
In un tegame far sciogliere il burro con 3 cucchiai di olio e far cuocere le fettine, una volta cotte metterle su un piatto e aggiungere nel tegame il pomodoro. Aggiustare di sale e pepe e lasciar cuocere un 10 minuti (se no rimane acido), quindi aggiungere latte e Philadelphia, paprika e erba cipollina, lasciar stringere un pochino e aggiungere le fettine lasciandole insaporire bene...servite con un buon purè sono meravigliose!

7 agosto 2014

Tonno al sesamo con ratatouille verde

In effetti non è che cucino molto con il caldo...e l'effetto fettina e "tutto freddo" si fa sentire :)
però ieri sera dalla mia pescivendola adorata c'erano delle belle fettone di tonno rosso a cui non ho saputo resistere...ma come renderlo interessante sulla mia bella griglia di ghisa? Impanato nel sesamo con un velo di wasabi...sublime!

Tonno al sesamo con ratatouille verde
Ingredienti per 2 persone (e abbondante verdura)
2 tranci di tonno rosso
semi di sesamo
olio di sesamo
pasta wasabi
sale e pepe

per la ratatouille verde:
1 melanzana viola
4 peperoni friggitelli
1 zucchina grossa
1 grossa cipolla bianca
sale e pepe
erbe di Provenza
peperoncino in polvere
olio evo

sciogliere una punta di coltello di salsa wasabi in 4 cucchiai di olio di sesamo. Ungere i tranci di tonno da entrambe i lati e passarli nei semi di sesamo.
Ungere la griglia di ghisa con un velo di olio di sesamo (se abbondante eliminarlo con la carta assorbente) e lasciarla scaldare bene. Cuocere un paio di minuti per lato aggiustando di sale. A fine cottura tritare grossolanamente il pepe nero sulla superficie del tonno.

Per la ratatouille:
In una padella antiaderente molto larga aggiungere 4 cucchiai di olio EVO. Affettare finemente la cipolla e farla dorare; nel mentre tagliare le melanzane a cubetti, poi i peperoni e le zucchine.
Far saltare la verdura a fuoco allegro aggiungendo ancora un paio di cucchiai di olio, aggiustare di sale e pepe e aggiungere una piccola manciata di erbette di provenza (timo, maggiorana, origano...)e il peperoncino.
Lasciar cuocere 25-30 minuti girandoli frequentemente, aggiungendo dell'acqua bollente se necessario (senza abbondare se no le verdure diventano molli).

Cena da re!

21 luglio 2014

Gazpacho andaluso...olé!

Fa caldo e la voglia di cucinare scema man mano che sale la temperatura...la ghisa si usa dalle 23 in poi ;) allora usiamo le mie mini cocotte per servire un ottimo piatto spagnolo, che io in realtà ho conosciuto in Francia...Il gazpacho! una minestra fredda, anzi freddissima, a cui mio suocero aggiunge addirittura cubetti di ghiaccio!
Se viene molto frullato e omogeneizzato è carino da presentare con pezzettini di verdura e pane tostato a cubetti, ma se lo si lascia un po' granuloso (e io lo preferisco) si può mangiare direttamente così...un cucchiaio tira l'altro!

Gazpacho andaluso
Ingredienti per 4 persone
600 g di pomodori perini ben maturi
1 peperone rosso
1 cipolla di tropea
1 cetriolo
1 spicchio di aglio
1 panino morbido da 100 g
aceto bianco (circa 100 ml)
sale
pepe
tabasco
50 ml olio di oliva

Eliminare dai pomodori i semi , tagliarli a cubotti e metterli nel frullatore; eliminare i semi dal peperone, lavarlo, tagliarlo grossolanamente e metterlo nel frullatore. Aggiungere quindi l'aglio e la cipolla, sempre pelati ed infine il cetriolo. Aggiustare di sale e pepe.
in una ciotola lasciar ammollare il pane con circa 100 ml di aceto bianco. Quando è bello morbido, strizzarlo dall'aceto in eccesso ed aggiungerlo nel frullatore. Frullate fino a consistenza desiderata (per me l'ottimo è di circa 3 minuti), aggiungendo a filo l'olio. Aggiustate di sale, pepe e se vi piace tabasco.
Lasciar riposare in frigorifero per almeno un paio d'ore, quindi servitelo freddissimo con verdura a cubetti, pane tostato e spicchi di limone.


30 giugno 2014

Gamberoni al forno con salsa di limone (zia Olga)



Gamberoni al forno con salsa di limone (by zia Olga)
 

Ingredienti per 4 persone

800 gr di gamberi
200 g di farro
1 mazzetto di prezzemolo
2 foglie di salvia
2 foglie di basilico
peperoncino in polvere
un bicchiere di vino bianco
1 limone

olio EVO
Sale e Pepe

Lavate i gamberoni, eliminate il carapace lasciando la testa e la coda attaccate. Con l'aiuto di uno stuzzicadenti eliminate il filamento nero sul dorso, l'intestino, e lavate nuovamente.

Tritate finemente il prezzemolo, la salvia e il basilico, mettete tutto in una ciotolina, condite con olio EVO, un pizzico di sale, il succo di un limone spremuto, il peperoncino in polvere e un bicchiere di vino bianco quindi mescolate bene.

Nel frattempo cuocete il farro in acqua bollente salata, scolatelo al dente, sciacquatelo in acqua fredda, mettetelo in un recipiente a parte e conditelo con un cucchiaino di olio extra vergine di oliva.

Coprite una teglia con la carta da forno e adagiate i gamberi e versateci sopra l’emulsione precedentemente preparata.

 Infornate a 180 gradi per circa 20 minuti. Sfornateli e adagiateli sul farro, irrorate il tutto con il con il sugo di cottura.

 

Fusi di pollo alle olive taggiasche

La carne bianca fa bene...certo che però non so più cosa inventarmi!!! Visto che il coniglio non lo mangio più, perché un batuffoloso orecchiuto mi ha fatto gli occhioni una volta, cucinerò il pollo alle olive, proprio come la mia mamma faceva il coniglio!

Fusi di pollo alle olive taggiasche
Ingredienti per 3 persone
6 fusi di pollo
olive taggiasche a volontà
olio EVO
1 cipolla
aglio
sale  e pepe
vino rosso
brodo qb

In una casseruola lasciar imbiondire la cipolla tagliata sottile e l'aglio. Aggiungere i fusi di pollo e lasciarli rosolare bene da tutte e due le parti. Salare e pepare. Aggiungere un bicchiere di vino rosso e lasciare sfumare. Aggiungere le olive nere e lasciar cuocere 45 minuti, bagnando di tanto in tanto con il brodo. Accompagnato a una miscela
Semplice e saporitissimo!

Polpo alla catalana della zia Olga


Polpo alla catalana della zia Olga
Ingredienti per 4 persone
 
1 polpo da 600 g circa
1 cipolla di tropea
10 pomodorini
2 carote
1 finocchio
2 limoni
olio EVO
sale e pepe

In una pentola mettete acqua fredda, immergete il polpo e fatelo bollire (se congelato circa 50 minuti) con 1 limone tagliato a metà e un tappo di sughero.
Intanto che il polipo cuoce, lavate e tagliate la verdura. E' importante tagliarla molto fine quasi a filo.
Ora che la verdura è pronta, mettetela in una ciotola abbondante e passate alla preparazione del condimento. In una ciotolina mettete abbondante olio, il succo di un limone, un po' di sale e di pepe e mescolate bene.
Quando il polpo è pronto togliete la pelle e i tentacoli (io lo faccio sono un po’ viziata!), tagliatelo a pezzetti, unitelo alle verdure e versateci sopra l'emulsione di olio e limone.

 

 

12 giugno 2014

Gnocchi della zia Olga

Come dice giustamente la zia Olga...non è che puoi reprimere tutte le voglie, no???? e così per una sera ha abbandonato proteine e low carb per un fantastico piatto di gnocchi...ma con il Philadelphia balance...che è più magro...hi hi hi...

Gnocchi della zia Olga
Ingredienti per 4 persone
Per gli gnocchi
1 kg patate
300 g farina
1 uovo
1 pizzico di sale

Per il condimento
150 g di Philadelphia
150 g pancetta affumicata
200 g asparagi
olio EVO
1 cipolla
1 bustina di zafferano
sale


Lessate le patate con la buccia (se no assorbono troppa acqua). Una volta cotte, sbucciarle e passarle con lo schiacciapatate creando un vulcano sul piano di lavoro.
Create una fontana al centro e aggiungere la farina e l'uovo, impastando bene.
Creare dei lunghi cilindri del diametro desiderato per gli gnocchi, e tagliateli a pezzetti.
Mettete a bollire abbondante acqua salata per farli cuocere.

In una pentola far rosolare la cipolla con la pancetta ed un filo di olio. Quando la cipolla è dorata aggiungere gli asparagi (precedentemente sbollentati), lo zafferano, il Philadelphia e aggiungere un mestolo di acqua di cottura degli gnocchi.

Buttate gli gnocchi, e quando vengono a galla uniteli alla crema e fate amalgamare bene il tutto.

 

 

10 giugno 2014

Crostata di semola con crema al limone

Non sono proprio l'asso dei dolci...però qualche volta mi cimento in qualche ricettina per deliziare il palato del mio maritino, e devo ammettere che questa volta ci sono riuscita...abbastanza! Si, perché quel viziato di Parpapapà la torta la vuole di cioccolato...che fatica...ma il risultato è ottimo!
L'idea naturalmente viene dal sito della nostra Sonia nazionale <3 però ho apportato un paio di variazioni piuttosto interessanti...provare per credere!

Crostata di semola con crema al limone
Ingredienti
Per la crostata:
500 g farina di semola per dolci
4 uova
150 g zucchero di canna
200 g di burro di montagna (se normale anche 250)

Per la crema:
450 g di ricotta vaccina
4 uova
125 g zucchero a velo
scorza di un limone non trattato
1 fialetta di essenza al limone

Innanzitutto preparare la frolla: miscelare la semola per dolci con lo zucchero e creare una fontana, dove metterete uova intere e 2 tuorli, e il burro a pezzetti (tiratelo fuori dal frigo almeno mezz'ora prima). Amalgamate il tutto con le dita e poi lavoratelo fino a formare una palla che avvolgerete nella pellicola e lascerete in frigo almeno un' ora.

Per la crema scolate la ricotta su un colino, quindi mettetela nel miscelatore con tutti gli ingredienti e sbattetela per un paio di minuti.

Formate la base della torta, foratela con la forchetta, farcitela con la crema e con la pasta avanzata decoratela...magari meglio di me!
Mettetela in forno caldo per 40 minuti circa e...buon appetito!

PS: il giorno dopo è ancora più buona...

4 giugno 2014

Arrosto di manzo agli scalogni

Effettivamente era un po' di tempo che non sfruttavo la ghisa per un bell'arrosto...ma come sempre il mio fidato macellaio mi ha proposto un pezzo succulento di polpa roast-beef, non così nobile da fare all'inglese, ma comunque morbidissimo per un arrosto.
Sul web ci sono 1000 ricette ma non avevo voglia di andare a comprare quello che mi mancava, così ho adattato una ricetta con quello che avevo in casa ed il risultato è stato davvero ottimo!

Arrosto di manzo agli scalogni
Ingredienti per 6 persone
1,2 kg di polpa di roast-beef legata
8 scalogni
30 g di burro
vino bianco
olio EVO
sale
pepe

Nella ghisa, lasciar sciogliere il burro con 3 cucchiai di olio, quindi far sigillare bene la carne da tutti i lati.
Nel frattempo tagliare a fette grossolane gli scalogni.
Una volta sigillato mettere su un piatto l'arrosto e aggiungere al fondo di cottura 1/2 bicchiere di vino bianco, lasciandolo sfumare per un minuto. Aggiungere gli scalogni e lasciarli cuocere finchè sono ben dorati (ma non disfatti). Aggiungere nuovamente la carne, cospargerla di sale e pepe e metterla in forno caldo a 180°C per 20 minuti con il coperchio. Girarla e bagnarla con il fondo di cottura, lasciandola cuocere per ancora 20 minuti.
L'interno rimarrà rosato. Da servire ben calda con gli scalogni d'accompagnamento.

20 maggio 2014

Buchteln dolci (by Elisa)

E' una ragazza da sposare...brava Eli, per fortuna porti tu un po' di dolcezza in questo speziato blog! :)


BUCHTELN DOLCI

INGREDIENTI

-400 g di farina 00

-due uova medie

-25 g di lievito di birra fresco

-140 g di latte

-40 g di burro fuso

-60 g di zucchero

-confettura (o nutella) a piacere

 

PROCEDIMENTO

In una ciotola, porre lo zucchero, il lievito di birra e il latte tiepido e lasciar riposare per 30 minuti.

Su una spianatoia, mettere la farina e aggiungere le uova, il composto di latte, zucchero e lievito e il burro fuso. Amalgamare gli ingredienti fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Far lievitare in un luogo fresco e asciutto per circa 2 ore.

Trascorso il tempo di lievitazione, sgonfiare il composto e stenderlo con il mattarello fino ad ottenere una sfoglia alta circa 5 mm. Ricavare con un coppapasta di circa 6-8 cm dei cerchi e riempirli con un cucchiaio di confettura oppure di nutella. Richiudere i cerchi dando la forma di una palla.

Porre tutti i dolcetti ottenuti in una tortiera con cerchio apribile e lasciar lievitare per altre 2 ore fino a raddoppio del volume.

Cuocere in forno a 150°C per circa 30-40 minuti e servire caldo o tiepido.

 

19 maggio 2014

Lasagne vegetariane light (by Elisa)

 
Brava Eli!
Già raccontato di come sia brava la Dr.ssa Elisa, vero? Se poi, per amore prepara certe ricettine...light si, ma con gusto!


Lasagne vegetariane light (by Elisa)

 

INGREDIENTI (per 4 persone)

-250 g di pasta all'uovo per lasagne già pronta

-200 g di fiocchi di latte o ricotta light

-400 g di broccoli

-300 g di spinaci

-300 g di carote

-200 g di mais

-1 cipolla

-pomodorini pachino per decorare

-sale qb

-olio d'oliva qb

 

PROCEDIMENTO

Per prima cosa, lavare e pulire la verdura. Tagliare a pezzi piccoli e far bollire in abbondante acqua salata i broccoli e le carote, finchè saranno cotti.

In un tegame, porre 1-2 cucchiai d'olio, aggiungere la cipolla sminuzzata e farla imbiondire. Dopo alcuni minuti, salare e aggiungere gli spinaci e il mais e far cuocere per circa 30 minuti a fuoco lento con il coperchio.

Scolare i broccoli e le carote e aggiungerli al tegame contenente spinaci e mais e proseguire la cottura per 5 minuti.

Spegnere il fuoco e aggiungere alle verdure cotte i fiocchi di latte (o la ricotta) e amalgamare il tutto.

Disporre in una pirofila uno strato di pasta per lasagne e coprire con il composto di verdure Coprire il tutto con altra pasta e procedere nello stesso modo fino ad esaurire la pasta e il composto di verdure. Sull'ultimo strato, decorare con i pomodori pachino tagliati a metà.

Infornare per 40 minuti a 190°C fino a completa cottura.

 
 



 
 

14 maggio 2014

Wok di pollo piccante al sesamo

E' ufficiale...il wok sta diventando un terreno di esplorazione moooolto stimolante!
Ieri sera ho come sempre svuotato il frigo, e con un'abile miscela di spezie è nato un gustoso piatto unico!

Wok di pollo piccante al sesamo

Ingredienti per 4 persone
1 petto di pollo di medie dimensioni
2 zucchine
1 manciata di piselli surgelati
1 cipolla dorata
2 pomodori ben maturi
semi di sesamo
zenzero in polvere
cumino
peperoncino in polvere
salsa di soia
olio EVO

Tagliare la cipolla sottile e metterla a rosolare nel wok con 4 cucchiai di olio EVO. Aggiungere i piselli ancora surgelati. Nel frattempo tagliare a fiammifero le zucchine e i pomodori a cubetti, girando spesso con due cucchiai di legno.
Tagliare il pollo a cubetti e aggiungerlo, sempre mescolandolo, alle verdure. Aggiungere abbondanti semi di sesamo, un pizzico di zenzero, un pizzico di cumino, un pizzico di peperoncino. Una volta rosolato aggiungere salsa di soia, facendo attenzione a non aggiungerne troppa per non coprire il sapore delle spezie.
A parte bollire il riso basmati, colarlo al dente e passarlo con il pollo e le verdure per due minuti, aggiungendo ancora un filo d'olio.
Un po' orientale, un po' arabeggiante, un po' mediterraneo...un melting pot di sapori sorprendente!

13 maggio 2014

Arista di maiale senape e miele

Questa volta il tradimento della ghisa è stato un atto involontario...avevo un'arista talmente grossa che non ci stava nemmeno nella ghisa più grande...per cui, come sempre, colpa di parpapapà! :)
Avendo gente a cena, un mega arrostone può risolvere molte cose...ben profumato poi...

Arista di maiale senape e miele

Ingredienti per 8 persone
Arista di maiale con 8 fette
150 g pancetta tesa dolce
rosmarino
aglio
2 cucchiai di miele
2 cucchiai di senape
vino bianco
sale
pepe
olio EVO
20 g burro

Inanzitutto steccare l'arista con pancetta e rosmarino e legarla ben bene...il vostro macellaio ve lo farà volentieri!
In una pentola che possa andare in forno sciogliere il burro con tre cucchiai di olio e uno spicchio di aglio pelato, quindi far rosolare bene la carne da tutti i lati per sigillarla.
In un bicchiere miscelare miele, senape e un goccio di vino bianco. Una volta rosolata la carne spennellare bene il composto su tutta la superficie, aggiungere 1/2 bicchiere di vino bianco e mettere in forno preriscaldato a 180°C scoperto. Rigirare di tanto in tanto la carne e bagnarla con il suo sugo, se necessario aggiungere un pochino di vino. Dopo circa un'ora (dipende dal forno) bucare la carne e verificare che non esca sangue...attenzione però a non farla cuocere troppo per non farla diventare secca!
Buonissima!

5 maggio 2014

Muffin fragole e cioccolato bianco

Ogni tanto capita anche a me di lasciarmi andare sui dolci...non è una cosa che capita spesso ma accade! Preferisco di gran lunga il profumo del soffritto a quello dello zucchero che caramella nel forno, ma ogni tanto una dolce pausa ci vuole! Adoro i muffins, per le loro dimensioni e la possibilità di poterli trasportare per far assaggiare agli amici :)
Devo ammettere che questi sono venuti particolarmente buoni, e anche ieri alla gita sul lago Maggiore sono andati a ruba! il tocco di classe lo ha dato la farina di mandorle, aggiunta perchè avevo finito la farina bianca :)...mentre mi riprometto di tritare meno finemente il cioccolato bianco (proveniente naturalmente da un residuo di coniglio pasquale!).

Muffin fragole e cioccolato bianco
Ingredienti per 16 muffins
250 g di fragole
150 g di cioccolato bianco (a me è avanzato un coniglio con mandorle e miele...fantastico)
150 g zucchero
150 g burro
280 g di farina 00
100 g farina di mandorle
1 bustina di lievito
1/2 cucchiaino di bicarbonato
150 ml di latte
50 ml di panna
3 uova
1 pizzico di sale

Lavare bene le fragole e tagliarle a pezzettini. Tagliare a pezzettini il cioccolato bianco (attenzione e non triturarlo troppo finemente!). Sciogliere il burro al microonde.
Mettere in una ciotola capiente il burro sciolto e con l'aiuto di una frusta elettrica aggiungere lo zucchero poco alla volta per creare un bel composto cremoso. Sempre lavorando con la frusta aggiungere un uovo alla volta, la panna e il latte tiepido a filo.
A parte pesare le farine, il lievito, il bicarbonato e il sale, miscelandole bene.
Aggiungere le farine un cucchiaio alla volta lavorando sempre con la frusta. Una volta ottenuto un composto liscio aggiungere con un cucchiaio le fragole e il cioccolato. Riempire i pirottini per 3/4 con il composto e lasciarlo cuocere in forno a 180°C per 25-30 minuti.
Io non amo le coperture, per cui li ho lasciati "nature"...ma per chi ama le cose zuccherose una bella glassa li rende più carini alla vista :)

29 aprile 2014

Straccetti di pollo e tacchino alle verdure

Ormai io e parpapapà abbiamo capito che la nostra mega wok è il rifugio pecatorum che ci permette di nutrirci in quelle sere in cui non abbiamo niente da mangiare :) butti dentro delle verdure, un po' di carne et voilà una cenetta perfetta! Ieri sera poi Parpanino aveva la coccolite per cui ci ha pensato papà e...ottimo risultato of course!

Straccetti di pollo e tacchino alle verdure
Ingredienti per 4 persone
1 petto di pollo
3 fette di petto di tacchino (ebbene si avanzate da Parpanino :))
1 cipollotto fresco
1 peperone verde
1 confezione di piselli finissimi
1 confezione di carotine
salsa di soia
erba cipollina
curcuma
olio EVO
sale
pepe

Tagliare a striscioline il pollo e il tacchino. Affettare finemente il cipollotto e metterlo nella wok con 4 cucchiai di olio EVO. Lasciar rosolare la cipolla, nel mentre lavare e tagliare il peperone a quadretti e farlo saltare. Aggiungere carotine e piselli sciacquati e colati, e aggiungere un po' di salsa di soia. Lasciar saltare cinque minuti e aggiungere la carne. Mescolare bene con un po' di curcuma, erba cipollina e salsa di soia fino a cottura della carne.
Ricordatevi che la carne nel wok va continuamente girata!

24 aprile 2014

Filetto di vitello ripieno in crosta (by Elisa)

Quando una ha una collega bella, brava, intelligente...e pure brava a cucinare...cosa vuole di più? ecco il suggerimento per la mia cenetta di compleanno...grazie Eli! <3



Filetto di vitello ripieno in crosta (by Elisa)
Ingredienti per 6 persone

800 g di filetto di vitello tagliato in un'unica fetta tagliata sottile
1 bicchiere di vino bianco
500 ml di brodo vegetale
sale
olio extravergine di oliva qb

PER IL RIPIENO:
2 uova
latte e pan grattato qb
400 g di spinaci
olio extravergine di oliva qb
1 spiccio di aglio
sale qb

PER LA CROSTA E LA DECORAZIONE
270 g di pasta sfoglia (o pasta brisee)
semi di zucca, mandorle, nocciole e pistacchi in granella
1 uovo

PREPARAZIONE

Innanzitutto preparare il ripieno. In una ciotola, rompere le uova, salare a piacere e aggungere latte e pan grattato fino ad ottenere un composto dalla consistenza fluida e omogenea. Trasferire il composto in una pentola antiaderente previamente oleata e cuocere la frittata ottenuta per qualche minuto da entrambi i lati.
In un'altra pentola antiaderente, far soffriggere lo spicchio d'aglio in poco olio e aggiungere gli spinaci (vanno benissimo anche quelli surgelati); aggiustare di sale e far cuocere per circa 30 minuti.
Far raffreddare a temperatura ambiente la frittata e gli spinaci previamente scolati.
Sul piano di lavoro, stendere la fetta di vitello e farcirla con gli spinaci e la frittata. Successivamente, arrotolare il vitello e legarlo stretto con del filo di cotone, in maniera tale che l'arrosto mantenga la forma "affusolata" in cottura.
In una pentola capiente, preparare il fondo di cottura, facendo scaldare l'olio. Far soffriggere da tutti i lati il vitello per qualche minuto, dopodiché irrorarlo con un bicchiere di vino bianco. Far sfumare il vino, cuocendo il vitello a fiamma vivace finchè il vino non è evaporato. Cuocere con il coperchio per circa 2 ore, aggiungendo periodicamente il brodo vegetale.
trascorse circa 2 ore, far raffreddare l'arrosto di vitello ripieno a temperatura ambiente.
Quando completamente freddo, liberarlo dallo spago, e avvolgerlo nella pasta sfoglia (o brisee), avendo cura di sigillare bene i bordi.
Spennellare con un uovo sbattuto e decorare a piacere con granella di pistacchi, semi di zucca, nocciole e mandorle.
Trasferire l'arrosto ripieno sulla carta forno e cuocere per circa 35-40 minuti a 200°C fino a completa doratura della pasta.
Quando completamente cotto, tagliare l'arrosto a fette e servire caldo.

23 aprile 2014

Caserecce fave e asparagi

Ecco il secondo primo piatto per Pasqua...sotto forte richiesta del Parpanonno!
Per questa ricetta occorre armarsi di santa pazienza per pulire i ceci...e mettere a nanna parpanino prima!

Caserecce fave e asparagi
Ingredienti per 6 persone
400 g di fave da sbucciare (anche surgelate)
500 g di asparagi
10 pomodorini pachino
olio EVO
sale
pepe
burro
pecorino toscano

Portate a bollore una pentola di acqua e tuffarvi le fave per 3-4 minuti. Scolarle, lasciarle raffreddare qualche minuto e spelarle togliendo la buccia bianca.
Pulire gli asparagi eliminando la parte dura e passandoli sotto acqua corrente fredda. Tagliarli a rondelle preservando le punte; queste se troppo grosse tagliarle in due longitudinalmente.
In una padella ampia raccogliere gli asparagi, coprirli a filo con acqua, salare e pepare e aggiungere 10 g di burro a fiocchetti. Accendere il gas lentamente e far cuocere 10 minuti coperto, scoperchiare, lasciar asciugare il liquido e aggiungere le fave. Lasciar saltare a fuoco vivo per 5 minuti. Aggiungere i pomodorini tagliati in quattro e aggiustare di sale e pepe.
Scolare le caserecce al dente e saltarle con la verdura aggiungendo abbondante pecorino grattuggiato. Per chi ama il pepe aggiungerne abbondantemente sul piatto.

Caserecce puntarelle e olive

La Parpanonna quest'anno è stata sfruttata fino alla fine per curare il nipotino...per cui come regalo di Pasqua abbiamo provveduto ad un servizio catering...due primi e un secondo, mentre la parpazia ha preparato un'ottima torta salata ai porri.

Il menù prevedeva:
- Caserecce puntarelle ed olive (ispirate ad una ricetta dell'ultimo numero di Sale e Pepe!)
- Caserecce fave e asparagi
- Capretto al vino rosso con patatine

Iniziamo dalla prima proposta:

Caserecce puntarelle e olive
Ingredienti per 4-6 persone
250 g di puntarelle di catalogna pulite
100 g pancetta affumicata
1 cipolla dorata
15 olive nere
15 olive verdi
olio EVO
sale
pepe
80 g provolone

Pulire il cespo di catalogna e tagliare a listarelle molto fini le puntarelle, buttandole man mano in acqua fredda per non farle diventare nere.
Tagliare finissima la cipolla, meglio con l'affettatrice, e metterla in padella con 3 cucchiai di EVO per farla dorare piano piano. Aggiungere la pancetta, le puntarelle ed infine le olive tagliate a rondelle.
Lasciar saltare 10 minuti finchè le puntarelle saranno morbide. Aggiustare di sale e pepe.
Una volta cotta la pasta (al dente) saltarla un minuto in padella con il condimento ed aggiungere il provolone a scaglie.

22 aprile 2014

Arrosto di manzo alle arance

Per noi la carne di manzo deve essere praticamente cruda...quando il mio macellaio di fiducia mi ha proposto un bell'arrosto di manzo legato sono quasi saltata in aria...come??? al massimo posso fare un roast-beef! Ma siccome mi fido e mi suggerisce sempre ottimi pezzi di carne ho portato a casa il mio arrosto e ho scartabellato tra riviste e libri...per poi fare mia una ricetta che in origine era un po' più complicata, ma con i parpa-tempi...bisognava accorciare. Il risultato? Ottimo, provare per credere!

Arrosto di manzo alle arance
Ingredienti per 4-6 persone
800 g di polpa roastbeef legata con lo spago
3 arance
erba cipollina
maizena qb
1 dado
olio EVO
1 spicchio di aglio
10 g burro
sale e pepe

Nella vostra ghisa mettete 4 cucchiai di olio, il burro e lo spicchio di aglio sbucciato e schiacciato,  e scaldatelo appena. Aggiungete la carne e lasciatela rosolare bene da tutti i lati. Salate e pepate la carne. Spremete le arance e irrorate bene la carne, lasciandola cuocere un paio di minuti girandola spesso. Accendete il forno e scaldatelo a 180°C. Aggiungete alla carne un dado e un bicchiere di acqua bollente, trasferite il tutto in forno, con la pentola tappata e lasciate cuocere circa 45 minuti girando la carne e irrorandola con il sugo ogni 10-15 minuti.
Una volta cotta la carne toglietela dalla pentola, avvolgetela nell'alluminio e lasciatela riposare. Aggiungete al fondo il succo di un'altra arancia, un cucchiaino di maizena e abbondante erba cipollina, mescolando per evitare la formazione dei grumi.
Tagliate la carne e adagiatela nella pentola con la crema...e servitela con una bella dadolata di verdura (io ho preparato un classico zucchine, peperoni e melanzane...).
Da leccarsi i baffi!

14 aprile 2014

Gulasch ungherese...nella ghisa rende di più!

Domenica abbiamo approfittato di un bel sonno anticipato di Parpanino per goderci un pranzo primaverile sul balcone, anche se il menù non era proprio "fresco" è stata comunque una bellissima inaugurazione!
Vi invito a gustare il gulasch cucinato nella ghisa...i sapori sono davvero esaltati e il gusto non è equiparabile! io suggerisco di prepararlo prima e lasciarlo riposare mezza giornata...la carne prende più sapore e rimane comunque morbida.

Gulasch ungherese...nella ghisa rende di più!
Ingredienti per 4 persone
800 g di spezzatino di vitello
1 cucchiaino di cumino
3 cucchiai di paprika dolce
1 cucchiaio di paprika forte
2 patate grandi
2 cipolle bianche
1 spicchio di aglio
1 peperone verde
1 pomodoro maturo
1 carota
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
1 l di brodo di carne
olio EVO

Affettare le cipolle e tritare l'aglio. Nella ghisa far scaldare tre cucchiai di olio e lasciar imbiondire a fuoco dolcissimo le cipolle e l'aglio, senza farle abbrustolire, e cospargerle con il cumino. Buttare quindi la carne e lasciarla rosolare bene. Cospargerla di un cucchiaio colmo di paprika dolce e un cucchiaino di paprika forte e mescolare bene. In un mestolo di brodo caldo far sciogliere un cucchiaio di concentrato di pomodoro e versarlo sulla carne. Lasciar cuocere a fuoco dolcissimo per un'ora, aggiungendo brodo se necessario e girando per non far attaccare la carne.
Nel mentre tagliare a pezzettini peperone e carota. Dopo un'ora aggiungerli alla carne aggiungendo ancora un cucchiaio di paprika dolce e un cucchiaino di paprika forte. Aggiungere brodo se necessario. Cuocere per 45 minuti circa.
Nel mentre pelare le patate e tagliarle a pezzi grandi come la carne, quindi passati i 45 minuti aggiungere le patate, un cucchiaio di paprika dolce, un cucchiaino di parika forte, brodo se necessario. Cuocere ancora 30 minuti.
Lasciar riposare in modo che la carne acquisti tutti i sapori delle spezie.
Servire con gnocchetti tirolesi ( a me piace così!).

10 aprile 2014

Tartiflette

Pensate a ciò che di più lontano c'è dalla dieta...ecco la ricetta della tartiflette, un'esplosione di sapore e aromi paradisiaca...ma dopo è necessaria una settimana di depurazione!!!

Tartiflette
Ingredienti per 4 persone
1 forma di formaggio tartiflette (della Savoia)
6 patate medie
1 cipolla bionda
200 g di pancetta affumicata
sale
pepe
vino bianco
burro

Far lessare le patate in una pentola a pressione con un pizzico di sale grosso per 15 minuti. Una volta raffreddate tagliarle a pezzettoni. In una padella far sciogliere 20 g di burro e far dorare le cipolle tagliate in precedenza molto finemente. Aggiungere la pancetta e aspettare che diventi croccante, quindi aggiungere le patate ed arrostirle continuando a girarle per 5 minuti. Salare,pepare e spruzzare con un po' di vino bianco. Lasciarlo asciugare bene, quindi trasferire il composto su una teglia ben steso.
Tagliare a metà la forma di formaggio (nella larghezza) e appoggiarla sulle patate. Mettere in forno già caldo sotto il grill finchè il formaggio sarà ben sciolto e grigliato.
Una volta all'anno rinfranca lo spirito godereccio che è in noi!

7 aprile 2014

Tajine di pollo alle olive e limone

Il mio adorato maritino stuzzica la mia voglia di oriente portandomi a casa un meraviglioso libretto francese di cucina con la tajine...per fortuna in casa nostra non mancano spezie e affini, perchè ho dovuto sperimentare subito una ricetta...peccato però che mi mancasse l'ingrediente fondamentale (i limoni confit, tipico ingrediente marocchino) e ho dovuto taroccare un po' la ricetta...comunque risultato OTTIMO, da leccarsi i baffi!

Tajine di pollo alle olive e limone
Ingredienti per 4 persone
8 fusi di pollo
4 limoni rigorosamente bio
2 cipolle dorate
2 spicchi di aglio
olive verdi denocciolate
cumino
zenzero
pistilli di zafferano
coriandolo
sale
pepe
olio EV

Lavate molto bene con il bicarbonato i limoni. Spremetene due e tagliate a triangolini gli altri due. La metà dei triangolini mettetela in un piatto cosparsa di un cucchiaio di sale grosso e una spolverata di cumino.
Nella tajine mettere tre cucchiai di olio EV, e far rosolare bene i fusi di pollo. Nel mentre tagliare molto finemente aglio e cipolla. Una volta dorati aggiungere aglio, cipolla, sale e pepe. Aggiungere il succo dei limoni e lasciar cuocere per 3 minuti. Aggiungere 1/2 cucchiaino di cumino, coriandolo, senzero e un pizzico di pistilli di zafferano. Chiudere il coperchio ed eventualmente aggiungere un po' di acqua calda. Lasciar cuocere per un'ora circa, girandoli di tanto in tanto e se necessario aggiungere un po' di acqua calda. Dopo un'ora aggiungere le olive (una ventina) e il limone a triangolini, lasciar cuocere ancora per 10-15 minuti...verificate che il livello di spezie sia ok per i vostri gusti, eventualmente aggiungerne un pochino.
Spegnete il fuoco e lasciate riposare un'oretta in modo che si amalgamino bene i sapori.
Preparare il cous- cous (io adoro quello integrale) mentre si scalda il pollo...servire e...bon appetit!

1 aprile 2014

Sedani Gamberi ed Asparagi

Dopo mesi di pioggia e freddo, siamo sbarcati per una brevissima ma super rigenerenate vacanza in Provenza...sole, profumo di primavera nell'aria, mare...cosa volere di più?
Ci siamo rigenerati naturalmente con il cibo, facendo una gran scorpacciata di pesce...in particolar modo di gamberetti che costano veramente una stupidata...
Abbiamo unito un bel mazzo di asparagi comprati al mercatino e...voilà una pasta gustosa e cremosa che funziona benissimo come piatto unico!
Da notare sullo sfondo della foto un meraviglioso vino rosée della costa azzurra...salute!!!

Sedani Gamberi ed Asparagi
Ingredienti per 2 persone
500 g di asparagina (asparagi piccoli e saporitissimi)
300 g di gamberi (da sgusciare)
1/2 cipolla dorata
vino bianco
sale e pepe
erba cipollina
1/2 limone
1/3 di bicchiere di latte
olio EVO

Pulire gli asparagi e lasciarli bollire con le punte scoperte in una pentola alta e stretta, per 3-4 minuti.
Nel frattempo in un'altra pentola far bollire l'acqua leggermente acidulata con del limone e far cuocere i gamberi per 3 minuti. Una volta raffreddati sgusciare i gamberi ed eliminare con un coltellino appuntito il filo nero dorsale.
Colare gli asparagi facendo attenzione a non rompere le punte, tagliarli a rondelle e tenere a parte le punte (per decorazione) ed 1/3 delle rondelle. Il resto meterlo in un bicchiere del frullatore con 1/3 di bicchiere di latte, sale e pepe.
In una bella padella di ghisa lasciar dorare con 3 cucchiai di olio 1/2 cipolla dorata tagliata fine, aggiungere i gamberi sgusciati e sfumarli con il vino bianco. Dopo un paio di minuti aggiungere le rondelle di asparago e la crema di asparagi e latte, e lasciar rapprendere il tutto per 4-5 minuti. Salate e pepate.
Una volta cotta la pasta, scolarla al dente e lasciarla saltare con il sugo. Servire ben calda e con un pizzico di erba cipollina (meglio se fresca).

21 marzo 2014

Wok di pollo e verdure con riso basmati

E' arrivata finalmente...bella, rossa...pesantissima...la mia wok di ghisa!!!!! Grazie parpapapà per il regalo meraviglioso...arrivato proprio il giorno della festa del papà...hi hi hi :)
In cambio ho cucinato un bel pollo con verdurine saltate e riso basmati...volevo cucinare i nasi goreng ma mi mancavano un po' di ingredienti, così sono liberamente tratti dalla cucina thai i miei...PARPA NASI GORENG :)

Wok di pollo e verdure con riso basmati
Ingredienti per 4 persone
1 petto di pollo da 500 g circa
2 zucchine
1 carota
1 confezione piccoli di germogli di soia
100 g piselli surgelati
300 g passata di pomodoro
salsa di soia
1 cipolla bianca
olio EVO
1 fesa di aglio
paprika
curcuma

Tagliare a julienne carota e zucchine, triturare cipolla e aglio. Mettere 3 cucchiai di olio EVO nella wok, scaldare leggermente e mettere le verdure a soffriggere. Aggiungere i germogli ben sciacquati e i piselli ancora surgelati, e far saltare bene rigirando spesso. Aggiungere il pollo a cubotti di un paio di cm e lasciar rosolare per bene. Aggiungere abbondante curcuma, un pizzico di peperoncino, la paprika, mescolare ben bene, quindi aggiungere la passata di pomodoro e abbondante salsa di soia, mescolando ben bene. Lasciar cuocere per 15-20 minuti, sempre mescolando (è il segreto della wok!), e servire con del riso basmati.
Ottimo piatto unico per la festa del papà, anzi del mio parpapapà <3